Daniele Serafini

Poems by Italian poet Daniele Serafini

Return to Campoformido
to my father Tullio, aviator

Returning to Campoformido
it is as if your photo
(the one in your flying jacket
Your comrades close by
& your face unguarded to the future)
had never been taken.

Returning to Campoformido
it was as if, unexpectedly,
you stepped from the family album
to retrieve, this moonless night,
a brief flare of youth
a gleam of wings
that never bend to the wind
nor flex with time.

Returning to Campoformido
it is as if, for a time,
you were twenty again
and asked me with a knowing smile
to uproot our shadows from the earth
to prepare to fly together
this time without a parachute.

Translated by William Wall

from “When we were kings”

The Marsh
The marsh is a boundary
a spineless caesura
suspended in the emptiness
the real world
that makes itself unreal

the hare sucked into the headlights,
the moorhen forced
to stubborn flight,
the loyal eel
migrating and returning,

the marsh is horizon and prison,
tamarisk and sandy bottom,
it is a net cast into nothing,
into air
that smells of creosote

the marshes are a leavetaking tender
and pitiless
it is an obstinate footprint,
it is the morning breaking
on the salt meadows

the marsh is a baby
just walking
in a sepia-tinted snap.

The marsh is the secret box,
the inviolable looking glass
of the time when we were kings.

Translated by William Wall

from “When we were kings”
Translated by William Wall

Words
The words, diaphanous
and incorporeal,
inhabit the silence
lingering in
the uncertain light,
in the dissolve
of the sea.

Words are dog roses,
fireflies
whited out
in the dusty evening.

If words could
restore to us the voices, gestures,
faces long turned to shades,
the becoming of late roses

if they could slip
between the chant
and the disenchantment
of the silent gods
or fix for a moment
the eternal mutability
of history.

If they could just take
flesh and blood
and take this blow
reality:
if words could only
call forth islands
or voice the ecstasy
and torment
of the time when we were kings.

In Praise of Shadow

There where at its utmost
The landscape unfolds
Ravenna lies laden –
Orphan of salt and wind.

But if past the plain
Other life is shadowed,
Draws comfort,
It’s the modest word to be looked for here –
Not bombastic phrases
Where blankness gets denser.

Transl. by Harry Guest

 

TORNANDO A CAMPOFORMIDO

a mio padre, aviatore

Tornando a Campoformido

è come se la tua foto,

quella con la tuta da volo

stretto ai compagni di squadriglia

e il volto dischiuso al futuro,

non fosse mai stata scattata.

Tornando a Campoformido

è come se, all’improvviso,

tu uscissi dall’album di famiglia

per ritrovare, nella sera illune,

un bagliore di giovinezza

una luminescenza d’ali

che non si piegano al vento

né al flettersi del tempo.

Tornando a Campoformido

è come se, d’un tratto,

tu avessi di nuovo vent’anni

e mi chiedessi, con un sorriso complice,

di staccare le nostre ombre da terra

per prepararci insieme

a un decollo senza paracadute.

a “Quando eravamo re”

 LA VALLE

La valle è linea di confine

una cesura invertebrata

sospesa nel nulla

il mondo reale

che si fa irreale

 

è la lepre inghiottita dai fari

la folaga costretta

a un volo ostinato

l’anguilla fedele

nel suo migrare e tornare

 

la valle è orizzonte e prigione

tamerice e fondale sabbioso

è un gettar reti nel vuoto

in un’aria

che sa di catrame

 

la valle è congedo lieve

e spietato

è un’orma ostinata

è il mattino che s’apre

sui prati salmastri

 

la valle è un bimbo

in cammino

in una foto seppiata.

 

La valle è lo scrigno segreto

lo specchio inviolato

di quando eravamo re.

da “Quando eravamo re”

          XI

LE PAROLE

Le parole, diafane

e incorporee,

abitano il silenzio

indugiando nel tremolio

della luce,

nella dissolvenza

del mare.

 

Le parole sono rose

di macchia

lucciole incanutite

nel pulviscolo serale.

 

Se le parole potessero

restituire le voci, i gesti,

i volti divenuti ombre,

il divenire delle rose tardive

 

se potessero incunearsi

tra il canto  e il disincanto

degli dèi silenti

o fissare, per un attimo,

l’eterno mutare della storia.

 

Se solo potessero

farsi corpo e sangue

e arginare questo urto

di realtà

se le parole potessero

evocare isole lontane

o dire l’estasi e lo strazio

di quando eravamo re.

 

ELOGIO DELL’OMBRA

Là dove estremo

si apre il paesaggio

Ravenna gravida giace

orfana di sale e di vento.

 

Ma se oltre la piana

altra vita s’adombra

e trae conforto,

è la parola schiva

che qui cerchi

non la frase ampollosa

dove il vuoto s’addensa. 

IL GIORNO CHE MORÌ GEORGE BEST

  i.m. George Best

Neve alle porte della città, vento

di tramontana e sciopero generale

il giorno che morì George Best.

Davanti al Cromwell Hospital

fotografi, reporter e una piccola folla

attendeva il commiato del più grande

tra i poeti del calcio

(già presagio lo era il suo nome)

Old Trafford in lutto, una maglia

numero sette rosso tramonto, colletto bianco,

risplende nello stadio dove con passo

di danza, asciutto e imperioso, scrivesti

la tua leggenda e quella dei Red Devils.

Ventinove maggio Sessantotto, finale di Coppa,

persino il grande Eusebio e il Benfica

oscurasti, con movenze leggere, con tackle

dannati e un’aria noncurante di angelo

che regala magie su quel campo

che ancora riluce della tua maestria

… per poi aggredire la notte e nutrirla

di donne, di vino, di auto

e falciare strade e brughiere

con volto affilato e tagliente

Tu, demone stanco nell’arsura di Aden

bagnata dal mare, tu, ritrovato Rimbaud,

lasciavi molto prima del tempo –

lasciavi per sopravvivere a te stesso.

 

Mercenario in terre lontane,

un giorno fu più forte il richiamo

della verde Inghilterra, ma lì,

non più folle né stadi, solo furia

e malinconia nei pub dorati

di Hampstead e Chelsea,

mescolando l’ebbrezza

al ricordo di Law e Bobby Charlton: –

Ancor più esiliato, confondesti

con l’alcool piacere e tormento,

nelle notti sempre più lunghe,

nel sogno sempre più breve.

Neve alle porte della città, sciopero

generale, e il vento che incanutiva

il giorno triste che morì George Best.

The George Best died 

(i.m. George Best) 

Snow at the gates of the city, wind

from the mountains, a general strike

on the day George Best died.

Outside the Cromwell Hospital

paparazzi, a small crowd awaiting

the dismissal of the best of all

of the poets of the game

(already signalled in his name).

Old Trafford grieving, a number seven

jersey the colour of sunset, a white collar,

flares above the stadium where

with a dancer’s step, precise, imperious,

you would inscribe your legend

and that of the Red Devils.

Twenty-ninth of May, ’68, Cup Final Day,

even the great Eusebio and Benfica

eclipsed by your finesse, your accursed tackles

and your air of careless angels

which bless you with magic on the field

re-illumined by your mastery

… for a time to batter the dark, to feed it

with women, with wine, with cars

and hard tackles and roads and moorlands

with a stern abrasive face.

You, demon, scorched in the heat of Aden

soaked by the sea, you, Rimbaud reborn,

you left long before your time –

you left to survive yourself.

Mercenary in a distant land,

one day England’s call

was too strong, but there were no more 

crowds nor stadiums, only the fury

of Hampstead and Chelsea

booze and memories of Law 

and Bobby Charlton: –

Even more an exile you 

bewilder yourself with drink, pleasure 

and torment in the always too long night,

in the always too brief dream.

Snow at the gates of the city, a general

strike, and the fading wind

the sad day of the death of George Best.

 Translated by William Wall 

 

Try these

The Desecration By Trudy Hayes
The Desecration By Trudy Hayes
Pete Mullineaux reads for Speakeasy
Pete Mullineaux reads for Speakeasy
Eileen Moynihan reads for Skibbereen Speakeasy
Paddy Cullivan, Moze Jacobs and Anton Floyd
Anton Floyd at Skibbereen Speakeasy
Six poems by multiple award winner Anton Floyd
Acclaimed novelist Nicola Pierce